Sul treno

il rumore del treno mi culla, ho la testa appoggiata al finestrino di uno scompartimento antiquato e vuoto. qualcuno bussa alla porta, apro gli occhi e mi alzo mentre il vagone sobbalza leggermente. un tamburino sudista della guerra di secessione americana con la testa esplosa da un colpo sparato troppo…

Read this article

Kintsugi

Tornare nello stesso posto lontano nel tempo e nello spazio è fare un viaggio due volte: come su questo promontorio che precipita nell'oceano atlantico; il cammino alle spalle, quel viaggio con questo. Altre premesse, altre conclusioni, un pezzo di vita nel mezzo, centinaia di passi e centinaia ancora. Le onde…

Read this article

Deserto arancione

Questa lingua d'asfalto si srotola a perdita d'occhio davanti ai miei occhi e dietro le mie spalle. Il suono dei passi è attutito dalla suola di gomma piatta delle mie scarpe da cui sento il calore e la porosità dell'asfalto nero. La terra polverizzata è dappertutto e colora tutto di…

Read this article

Ho smesso di smettere, Filippo

IlPiccolo e Verdun sono sul prato a giocare sopra una coperta a quadri rossi e bianchi, giocano, ridono e mi guardano e mi salutano sereni mentre mi allontano da loro ed inizio a salire su per il pendio ricoperto d'erba verde brillante. Su in cielo l'azzurro è percorso da nuvole…

Read this article

Vlčica

Il lupo venne un mattino di novembre. Era malconcio, il pelo grigio-chiaro e bianco completamente chiazzato di sangue rappreso e terra scura secca. Procedeva in diagonale e uggiolava a testa bassa. L'uomo aprì la porta della sua baracca e lo vide avanzare verso di sé, allo stremo delle forze. Si…

Read this article