Riva

Il sole è ancora abbastanza basso sulla sinistra mentre cammino lungo la spiaggia verso sud. Il mare risuona appena, mentre si ritira aspettando un’altra onda, lieve e trasparente. Il riverbero della luce sulla sabbia sotto l’acqua, il colore bruno di quella a riva e quello beige di quella…

Read this article

cronache del dopo bomba 1 (cit.)

Metto ordine intorno a me sperando di mettere ordine tra i miei pensieri. Il disordine mi disturba solo quando è il mio, il disordine mentale mi blocca, mi fa girare a vuoto: faccio fatica per non arrivare da nessuna parte, faccio fatica senza fare nulla. Avere la casa pulita con…

Read this article

A mollo

Faccio il morto a braccia e gambe aperte come un uomo vitruviano quasi sul fondo. L’acqua è ferma, e tiepida, a volte però il punto in cui sto immobile viene attraversato da una corrente freddissima, il mio corpo sussulta, rabbrividisco e provo piacere perché la corrente fredda come è…

Read this article

Torre di guardia

Il cielo è coperto fin dove arriva lo sguardo, nubi scure striate di chiaro. Il profumo di ginepro selvatico e della resina dei pini si mescola al salmastro del mare. Mi siedo a gambe incrociate nella polvere, non fa né caldo né freddo. Tiro fuori dalla borsa di cuoio che…

Read this article

#Karma 43

Barcollo mettendo un passo dopo l’altro, lanciando la gamba in avanti e appoggiando il piede sempre troppo forte sulla strada. Ho i pensieri foderati d’ovatta, comunque sconclusionati, disconnessi come sembra la strada stanotte alle due, ma il disconnesso sono io. Rimbalzo sul muro, saluto i cipressi, quasi stupefatto…

Read this article