Ho smesso di smettere, Filippo

IlPiccolo e Verdun sono sul prato a giocare sopra una coperta a quadri rossi e bianchi, giocano, ridono e mi guardano e mi salutano sereni mentre mi allontano da loro ed inizio a salire su per il pendio ricoperto d'erba verde brillante. Su in cielo l'azzurro è percorso da nuvole…

Leggi ancora

Giù per la collina

Ho undici, massimo dodici anni. Con i miei amici, quel gruppo duri e puri, compagni di scuola e vicini di casa e compagni di giochi quotidiani, da un mese all'altro da un anno all'altro, andiamo, appena la stagione lo permette, in un bellissimo parco poco distante dalle nostre case. Il…

Leggi ancora

Click

Non so se è la tolleranza nei confronti del proprio dolore, oppure è l'insieme di cause esterne, però ad un certo punto scatta qualcosa qui dentro, come un click rumoroso che fa male. È stato vedere morta una persona amatissima, vedere il dolore e lo sfinimento di altre persone che…

Leggi ancora

Metti una sera a stirare

Sei camicie, un numero imprecisato di altre cose da stirare, soprattutto vestiti di Verdun che si sono accumulati nella cesta dei panni sporchi. L'asse da stiro è un po' bassa e alla lunga mi fa male la schiena, poi uno dice che i lavori domestici non sono usuranti. Non ho…

Leggi ancora

Fredda e luminosa

Oggi doveva piovere ed invece è stata una bella giornata di sole, fredda e luminosa. Verdun ha giocato con me, mi ha interrogato sulle mie scelte, sulla nostra situazione. Ha voluto e ottenuto giochi, coccole, attenzioni e risposte. Stamani, come ogni domenica mattina in cui dorme da me, si è…

Leggi ancora

Rito di passaggio - i'm the invisible man

Luglio 1990, Marina di Castagneto Carducci. Avevo diciassette anni la prima volta che feci l'amore. Come avrei fatto ancora per alcuni anni a venire, ero solito trascorrere i mesi estivi al mare con la mia famiglia, stessa spiaggia, stesso mare. Gli amici di sempre, quei gruppi di ragazze e ragazzi…

Leggi ancora

Notturno

Non esisti, se tu esistessi tutte le mie contorsioni, i dolori e le scelte nefaste avrebbero un senso che non c'è, appunto come te. Saresti irresistibile, senza possibilità di scampo. Varresti la resa incondizionata, trovarti varrebbe un tripudio di feste: canti e balli e vino a fiumi, e soprattutto tante…

Leggi ancora