The Freewheelin' Bob Dylan

Parlare di un disco che ha 50 anni è un fatto notevole di per sé ma parlare di questo disco mi mette i brividi addosso.

Parlare di questo disco, pubblicato 50 anni fa, è parlare di chi lo ha fatto. Quindi potrei parlarvi di un ragazzo di 22 anni che torna da un viaggio in Italia, della sua ragazza comunista italo-americana che appare felice insieme a lui in copertina del 1963.

Oppure potrei parlarvi di questo ragazzo figlio di lituani ebrei emigrati ad inizio secolo negli Stati Uniti d'America e originari della Turchia nord occidentale e di questo suo disco che è stato inserito nella Biblioteca del Congresso e che come artista viene ritenuto fondamentale per la cultura americana come Elvis Presley e Louis Armstrong perché cattura il suono e lo spirito dell'America.

Potrei parlarvi di questo ragazzo senza un soldo che si esibisce al Village, con i denti sporchi e verdastri e che inventa bugie a ripetizione sul suo passato e la sua provenienza che dorme dove capita, quando capita e mangia quel che gli viene molto spesso offerto perché non ha un soldo per mettere insieme un pasto caldo.

Potrei parlarvi di mille altre storie di quel periodo e di questo ragazzo che decise di farsi chiamare Bob Dylan.

Mi limiterò a parlare di questo disco che nel 2013 festeggia 50 anni di vita, The Freewheelin' Bob Dylan.

Iniziamo di circa venti canzoni che NON sono entrate nel disco e che sono state in parte (non tutte) pubblicate nei successivi decenni e suonate live anche nel 1963 (e prima, e dopo).
Perché?
Perché questo è il secondo disco di Dylan ma è il primo con canzoni sue e in queste venti canzoni rimaste fuori ci sono ancora i suoi riferimenti musicali da "Milk Cow's Calf's Blues" di Robert Johnson (unreleased) a "(I Heard That) Lonesome Whistle" di Hank Williams (unreleased) fino a "Baby, Please Don't Go"
di Big Joe Williams (questo lo trovate su iTunes come Outtakes esclusivo in "From No Direction Home EP" [http://en.wikipedia.org/wiki/TheBootlegSeriesVol.7:NoDirectionHome:The_Soundtrack#Outtakes]. Tra queste canzoni rimaste fuori, tra suoi pezzi originali e altre cover, c'è il mondo da cui vengono i capolavori che poi restano pubblicati in questo disco che finisce 50 anni e per capire che anche una pietra miliare della musica del ventesimo secolo come The Freewheelin' Bob Dylan ha delle radici e che queste radici affondano nella terra scura del blues e dei traditional folk americani.

I pezzi che compongono l'album invece sono

nel lato uno:

"Blowin' in the Wind" – 2:48 "Girl from the North Country" – 3:22 "Masters of War" – 4:34 "Down the Highway" – 3:27 "Bob Dylan's Blues" – 2:23 "A Hard Rain's a-Gonna Fall" – 6:55

nel lato due:

"Don't Think Twice, It's All Right" – 3:40 "Bob Dylan's Dream" – 5:03 "Oxford Town" – 1:50 "Talkin' World War III Blues" – 6:28 "Corrina, Corrina" (Traditional) – 2:44 "Honey, Just Allow Me One More Chance" (Dylan, Henry Thomas) – 2:01 "I Shall Be Free" – 4:49

Tranne la penultima sono tutte scritte e suonate da Bob Dylan e nella forma canzone folk si intrecciano temi di vita personali:

"Bene, l’oceano ha preso la mia ragazza La mia ragazza mi ha rubato il cuore
L’ha impacchettato tutto in una valigetta
Signore, l’ha portato via in Italia, Italia."

a temi come il pacifismo e il contrasto all'industria della guerra e dell'atomica, tanto da fare di canzoni come Blowin' in the Wind, Masters of War e A Hard Rain's a-Gonna Fall degli inni.

The Freewheelin' Bob Dylan è l'album che trasforma questo 22enne folk singer come tanti in Bob Dylan. Però voi fate un favore a lui e soprattutto a voi.

Però il mio personalissimo consiglio è di scordarvi di tutto questo:

Chiudete gli occhi e pensate a questo ragazzo mingherlino, sporco, venuto dalla periferia dell'impero nella grande città, ignorante di sé, della vita e del mondo, affamato di tutto.

Ascoltatelo adesso, ascoltate Girl from the North Country.

Guardate la copertina di questo disco.

The_Freewheelin_Bob_ Dylan

Questo è The Freewheelin' Bob Dylan.

 

[Questo post doveva uscire oramai la scorsa estate, richiestomi da un simpatico sito di news ma per qualche motivo a me ignoto non è mai stata pubblicata. Quindi, visto che l'anno volge al termine, e visto che amo questo disco, lo pubblico qui, tra di noi. Poi magari fa cacare e non mi hanno detto nulla per non farmi rimanere male]

comments powered by Disqus