Metti un giorno con gli scout

Sì sì, proprio gli scout: quelli con i calzoni corti di velluto blu a coste, la camicia azzurra con tutte le toppe, gli stemmi ed i fazzolettoni al collo.

La giornata di chiusura dell'anno di attività dei lupetti è stato l'evento che mi ha permesso di partecipare in veste di genitore... ecco c'è da trovare un buon termine, direi "clandestino", ecco genitore clandestino mi piace :) [Lo so, faccio il misterioso, ma son messaggi per chi sa, ndS].

Avevo già partecipato ad attività degli scout ma non so per quale motivo, forse il caldo, il vento, il luogo in cui s'è svolta la giornata, il tempo che passa... ma questa volta mi sono messo letteralmente ad osservare: io corpo estraneo allo scoutismo, io corpo estraneo dall'essere un ex-scout-con-figlio-scout ed ho scoperto un mondo.

Ho visto genitori fare balli di gruppo in cerchio con tutti gli scout ed i loro capi. Ho visto genitori discutere delle problematiche dei ragazzi che sono state affrontate e lo saranno durante l'attività passata e futura. Ho visto genitori dormire bellamente (invidia) all'ombra di un olivo per tutto il pomeriggio.

Ci siamo abbuffati con tutto il mangiare portato per l'occasione e ci siamo scambiati pietanze. Abbiamo riso, parlato, ascoltato, ed abbiamo giocato.

Mi son fatto tutta una serie di nuove domande su questo movimento, in qualche caso ho anche pensato ad alcune risposte, legate all'ambito del volotariato in generale. Poi magari ve le scrivo.

comments powered by Disqus