E meno male che qualcuno mi passa a prendere...

Vista la disavventura con la batteria della mia automobile, mi ero già visto condannato a passare un fine settimana CHIUSO in casa, nel deserto metropolitano che oramai tutti i sabati diventa il luogo ameno dove vivo.
Ed invece no.
Sabato sera un'anima buona (bòna, anche) mi è venuta a prendere e sono stato a mangiare al ristorante della Festa dell'Unità di Legri, sopra e frazione di Calenzano. Festa storica e fresca e sempre piena di persone. Ed oltre ad avere ben 3 diversi "palchi": palco principale (c'era il Monni), un piano bar ed il palco rock, con successiva rockoteca può contare su almeno 5 tipi di ristorazione.
Abbiamo optato per il ristorante di cucina tipica toscana e mi sono sbafato una ricca porzione di cinghiale in umido, patate fritte e vino rosso della casa per 10 euro... Il cinghiale non era proprio come piace a me ma del resto è praticamente impossibile trovare un ristoratore che serva questa magnifica pietanza con il suo vero sapore, un po' forte e delicato allo stesso tempo.

La compagnia era piacevolissima, il contesto e la cena pure. Per finire, giro nella libreria della Festa con ottima fornitura di romanzi...
Un bel BRAVI agli organizzatori della festa dell'Unità di Legri, bravi!

Show Comments

Get the latest posts delivered right to your inbox.