Miami Vice il film

Quando un vero film maker (Mann) è appassionato di film polizieschi si può essere felici e tristi insieme.
Tristi perchè forse (e qui sicuramente) non sarà così "preso" da rendere una storia vibrante, seriamente, come un film poliziesco oggi pretende di essere raccontato.
Felici perchè questo Miami Vice è un bellissimo e lucidissimo manifesto cinematografico, dove finalmente con i soldi ed i mezzi del grande schermo può finalmente dare il vigore che immaginava quando negli anni '80 produsse la serie culto Miami Vice.
Ambientazione credibile e lussuriosa, come la fotografia. Musica "quasi" alla Mann televisivo (e cioè quasi ottima). Tempi iperdilatati perchè la storia (vedi sopra) è quella che è e allora diamoci dentro con campi lunghi. Sequenze che sono ripetitive nel loro manierismo.
In certi momenti sembra "del girato" della serie televisiva, fatto oggi. E se non fosse per il cast scadente potremmo davvero pensarci. Ora Jamie Foxx è notevole, ha il fisique du role e anche quella capacità espressiva necessaria a fregiarsi dell'idea di voler fare l'attore da grande. Ma non ha lontanamente la classe esotica, e la felina pericolisità di Tabbs.
L'unica creatura meravigliosa è Gong Li, che non parlando l'inglese porta quest'esotismo tarocco (lei sarebbe una cambogiancubana, mmmm....) a livelli di fascino sublimi che la serie televisiva non è mai riuscita a regalarci.
I restanti componenti della squadra sono comparse in questo film, e probabilmente non poteva essere altrimenti, come i cattivi sono abbastanza trucidi ma nemmeno troppo. E questa è la pecca più grande.

Giudizio sul film: con gli attori originali, poteva essere una valida doppia puntata della serie televisiva...

Ah già, dimenticavo. Dire male di Colin Farrell è come sparare sulla croce rossa. L'unica cosa che mi viene in mente è che ha avuto molto coraggio (e molti soldi) per fare questo film.
Temo però che non sia un granchè, lui intendo.

comments powered by Disqus